Inflazione e mercato europeo del credito: quale impatto?

La forte crescita economica combinata all’inflazione e i rischi di rialzi dei tassi da parte delle banche centrali nel medio periodo non giovano ai rendimenti obbligazionari. Tuttavia, la volatilità al momento è molto bassa e quindi anche uno spread di credito esiguo può essere interessante per il portafoglio. L’aumento dei prezzi ha un impatto maggiore su alcuni settori, ma una gestione attiva consente di selezionare i titoli “vincenti”.

Tempo di lettura: 5 minuti

 

Oggi gli investitori obbligazionari si chiedono perché dovrebbero investire in obbligazioni sapendo che la Federal Reserve intende aumentare i tassi d’interesse. Un rialzo dei tassi, combinato a spinte inflazionistiche, potrebbe avere un impatto sulle condizioni creditizie di molte aziende europee. Abbiamo chiesto a Ismael Lecanu, Head of Credit Investment Grade di AXA IM, se oggi l’investimento nel credito europeo può offrire benefici e quale impatto l’inflazione potrebbe avere su questo mercato.

“L’inflazione è un tema chiave per gli investitori, sia per chi investe nel credito che per chi investe in azioni”, spiega Lecanu. Come mostra il grafico qui sotto, tratto da un’analisi di Goldman Sachs Global Investment Research, l’inflazione (in azzurro) è in cima alle preoccupazioni delle società investment grade. Nel primo trimestre di quest’anno, subito dopo l’inflazione è la scarsità di beni (in inglese “shortage”), rappresentata in rosso, a destare preoccupazione. Si tratta infatti delle parole che compaiono maggiormente nelle comunicazioni di queste società.

Fonte: Company filings, Goldman Sachs Global Investment Research 2021

 

Per Lecanu la questione dell’inflazione va affrontata in due modi: primo, capire qual è il suo impatto sui corporates dal punto di vista dei margini societari; secondo, capire qual è l’impatto sul mercato dei tassi. Quindi bisogna agire su questi due aspetti del proprio portafoglio.

L’impatto sui margini è stato sentito da alcuni settori, a cominciare dall’Automotive, che stiamo sottopesando nel nostro portafoglio, spiega il gestore. Ma da uno sguardo approfondito ai dati emerge che non si tratta di un quadro chiarissimo. Infatti, sempre nel caso Automotive, ci accorgiamo che per i costruttori d’automobili i costi in aumento di alcuni materiali come alluminio, palladio, etc, non sono  stati un problema, grazie alla forte domanda di automobili da parte dei consumatori. Lo sono stati invece per i fornitori di materie prime. Un altro settore dove l’aumento dei prezzi è stato forte è quello del largo consumo. In conclusione, gli investitori dovrebbero guardare attentamente a quei settori che maggiormente sono impattati dall’aumento dei costi.

Proprio per questa pressione sui margini oggi è quanto mai importante avere una gestione attiva e un’allocazione attiva a settori e titoli.

“L’idea non è comprare tutto, ma comprare i vincitori o quei player che avranno un impatto positivo dall’inflazione o dalla reflazione o dalla normalizzazione dei tassi”, sottolinea Lecanu. Dove troviamo i vincitori? Per esempio, l’intero settore finanziario, banche e assicurazioni. “Abbiamo allocato molto del nostro denaro in questi settori”, nota il gestore, aggiungendo che “non sono più settori a buon mercato, ma crediamo che beneficeranno del reflation trade”.

La prima cosa da fare quindi è una selezione corretta per evitare i “perdenti”, aggiunge Lecanu, e la seconda è proteggere il portafoglio vendendo lo yield nominale. “Per noi di AXA IM – spiega – la strategia migliore per proteggere i nostri portafogli senza avere cattive sorprese sull’inflazione è vendere il nominal yield.”

 

Dove sono le opportunità migliori nel mercato del credito europeo?

Molte classi d’attivo oggi sono costose, quindi bisogna essere vigilanti. Oggi l’appetito per l’High Yield è maggiore, spiega Lecanu, “sia dal punto di vista delle valutazioni e sia perché siamo positivi sull’economia globale”. Il gestore ha aumentato l’allocazione a questa asset class, ma facendo una grossa selezione. “Crediamo che l’High Yield potrebbe funzionare bene come allocazione degli attivi,” commenta Lecanu, che per il fondo AXA WF Euro Credit Total Return ha attualmente un’esposizione vicina al 40% del portafoglio.

Il grafico qui sotto mostra l’allocazione sul mercato High Yield per AXA WF Euro Credit Total Return:

Fonte: AXA IM, Synview al 31/05/2021. A solo scopo illustrativo. Queste allocazioni possono essere soggette a cambiamenti in qualsiasi momento, a discrezione del team di gestione del portafoglio. I dati non sono certificati e sono presi dal nostro sistema front office di gestione del portafoglio Synview. Rating medio di tre agenzie: Fitch, Moody’s e S&P. Dati riferiti ad AXA WF Euro Credit Total Return per la classe d’azioni I Eur.

 

AXA WF Euro Credit Total Return: caratteristiche del portafoglio

Ecco in sintesi le caratteristiche e la performance del nostro fondo AXA WF Euro Credit Total Return:

  • Accesso all’intero universo del credito in euro
  • Gestione flessibile del rischio di duration (da -2 a 6 anni)
  • Portafoglio di qualità Investment Grade (BBB)

Performance dal lancio (10/04/2015) al 22/06/2021.

Fonte: AXA IM al 22/06/2021. Dati riferiti alla classe d’azioni I EUR al netto delle commissioni. Le performance passate non sono un indicatore attendibile di future performance.

 

Il fondo AXA WF Euro Credit Total Return, svincolato da benchmark*, si basa sulle migliori idee dei nostri team di Fixed Income e ci permette di navigare il mercato dei corporate europei, investment grade, high yield e subordinati con una gestione flessibile della duration.

Il fondo rappresenta una sintesi delle migliori strategie corporate europee di AXA IM. Ha un rating di 5 stelle Morningstar e si trova nel primo decile del suo “peer group” Morninstar su 1 anno, 3 anni e 5 anni.**

 

*Il fondo è svincolato da benchmark.

**Morningstar al 30/04/2021 - universo EUR flexible bond. I riferimenti a ranking e premi non sono un indicatore di futuri ranking o premi. Le informazioni in questo documento potrebbero essere soggette ad aggiornamenti e potrebbero differire da precedenti o future versioni del documento

 

Anche pochi punti base di rendimento sono interessanti in un contesto di basso rischio

I nostri team d’investimento si aspettano rendimenti in eccesso positivi dalle asset class creditizie con un ulteriore modesto restringimento degli spread nei mesi estivi***. Certo, le opportunità di generazione di rendimento sono modeste, dato che gli spread del credito sono compressi. Ma se consideriamo che la volatilità al momento è molto bassa, allora anche 10 basis points di rendimento in eccesso di spread possono essere interessanti nella costruzione dei portafogli.

Rispetto al passato, oggi le banche centrali hanno una gestione molto più oculata dei rischi. Per esempio, la Banca centrale europea (Bce), attraverso il programma di Quantitative Easing previene episodi di risk off contribuendo a un contesto di basso rischio. Quindi il rendimento va visto nell’ottica di un aggiustamento per il rischio.

*** Fonte: AXA IM Fixed Income and Equity MVST Scores - June 2021, giugno 2021

 

Ti potrebbe interessare:

Disclaimer

Il presente documento è riservato unicamente ad investitori professionali, e non può essere in alcun modo diffuso al pubblico o consegnato ad investitori che non posseggano tale qualifica.

Il presente documento ha finalità informativa e i relativi contenuti non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate.

A causa del suo carattere semplificato, il presente materiale contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente documento non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente Documento non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi illustrati sono indicativi e non sono garantiti in alcun modo. La performance passata non è indicativa dei risultati futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito. Il valore dell’investimento può variare anche per effetto delle oscillazioni dei tassi di cambio. Dati, numeri, dichiarazioni, analisi, proiezioni e altre informazioni qui contenute sono basate sullo stato delle nostre conoscenze al momento della compilazione. Nonostante sia stata usata la massima attenzione nella compilazione del presente documento, non si rilascia alcuna dichiarazione o garanzia esplicita o implicita riguardo all’accuratezza, all’attendibilità presente e futura o alla completezza delle informazioni qui contenute. A causa di questi fattori e della commissione iniziale normalmente applicata, l’investimento non ha un orizzonte temporale breve e potrebbe non risultare adeguato per ogni utente.

AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il documento senza preavviso e declina ogni responsabilità riguardo ad eventuali decisioni prese sulla base del documento medesimo. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

Qualsiasi riproduzione, totale o parziale, delle informazioni contenute nel presente documento è vietata. Riferimenti a terze parti sono da considerarsi esclusivamente forniti a scopo illustrativo.   Prima dell’adesione, si raccomanda agli investitori di leggere il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID) o la documentazione del piano, disponibili sul sito www.axa-im.it, dove potranno trovare tutti i dettagli sui prodotti, ivi inclusi i rischi e i costi dell’investimento.

I fondi menzionati fanno capo ad AXA WORLD FUNDS, SICAV di diritto lussemburghese UCITS IV approvata dalla CSSF, iscritta al "Registre de Commerce et des Sociétés" con numero B. 63.116, avente  sede legale al 49, avenue J.F Kennedy L-1885 Lussemburgo. La Società è gestita da AXA Funds Management, société anonyme di diritto lussemburghese iscritta al Registro delle imprese lussemburghese con numero B 32 223RC e ha sede legale al 49, Avenue J.F. Kennedy L-1885 Lussemburgo.

© 2021 Morningstar. Tutti I diritti riservati. Le informazioni, I dati, le analisi e le opinioni (“Informazioni”) ivi contenuti (1) includono informazioni proprietarie di Morningstar; (2) non possono essere copiati o ridistribuiti; (3) non costituiscono consulenza agli investimenti; (4) sono divulgati a scopo esclusivamente informativo; (5) non si forniscono garanzie quanto a completezza, correttezza o tempestività; e (6) possono essere tratti da dati pubblicati in date diverse. Morningstar non è responsabile delle decisioni di trading, dei danni o altra perdita correlati alle presenti informazioni o al loro utilizzo. Si prega di verificare tutte le informazioni prima di avvalersene e di non prendere nessuna decisione senza il parere di un consulente finanziario professionista. La performance passata non è indicativa dei risultati futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione.

I contenuti disponibili nel documento sono stati redatti a cura e sotto la responsabilità di AXA Investment Managers Italia SIM S.p.A., Corso di Porta Romana, 68 – 20122- Milano, Tel +39 02 5829911, iscritta al n. 210 dell’albo delle SIM tenuto dalla CONSOB www.consob.it.]

© AXA Investment Managers 2021. Tutti i diritti riservati.