Quale sarà il futuro della società cashless nell'universo post-Covid-19?

La capacità di fare acquisti online ha acquisito importanza per molti consumatori costretti al lockdown, mentre, per altri, era già un'abitudine consolidata. L'adozione dei pagamenti digitali è cresciuta, per effetto delle misure di confinamento, anche per coloro che non sono nativi digitali.

Tempo di lettura: 4 minuti

 

I progressi della tecnologia hanno rivoluzionato le interazioni tra i consumatori e le società di servizi finanziari. L'affermazione delle Fintech, con la loro offerta di soluzioni di pagamento in tempo reale, ha reso possibile effettuare i pagamenti senza ricorrere ai servizi bancari e senza scambi di denaro contante.

In combinazione con la costante crescita dell'e-commerce, questo ha determinato l'ascesa dei volumi delle operazioni contactless, soprattutto negli ultimi decenni. Dall'inizio di quest'anno, poi, la pandemia da coronavirus ha fatto impennare i pagamenti cashless, in quanto i consumatori si orientano verso l'e-commerce a causa del lockdown o cercano di evitare di maneggiare denaro contante per paura del contagio.

Questa situazione ha trasformato i rapporti tra aziende e consumatori, e le società di servizi di pagamento giocano un ruolo cruciale nella transizione.

 

Le misure di lockdown hanno accelerato le vendite online

La crescente diffusione del coronavirus ha imposto misure di confinamento ad ampie fasce di popolazione in tutto il mondo e sempre più persone acquistano online qualsiasi genere di prodotto o servizio, dai beni di prima necessità come gli alimentari e i medicinali, ai servizi di intrattenimento.

Le vendite al dettaglio online hanno registrato una crescita del 209% ad aprile 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019, stando a una ricerca di ACI Worldwide.1 Nei primi tre mesi del 2020, Amazon ha registrato un fatturato di 75,4 miliardi di dollari, che equivalgono a più di 33 milioni di dollari l'ora.2 Inoltre, la spesa per i consumi di elettronica online negli Stati Uniti non ha dato alcun segno di rallentamento, bensì è cresciuta del 111%, collocandosi a oltre il 142% anno su anno al 29 maggio 2020.3 Il mercato cinese delle vendite di alimentari online nel 2020 potrebbe arrivare a registrare una crescita del 62,9%, a fronte dell'incremento del 29,2% del 20194, con in testa società del calibro di Alibaba e JD.com (Tencent).

Sulla scia della pandemia, anche società retail più piccole hanno iniziato a sviluppare modelli per facilitare le ordinazioni online da parte dei loro clienti, ad esempio utilizzando le piattaforme dei social media. Recentemente Facebook ha lanciato Shops, che consentirà alle aziende di esporre e vendere i propri prodotti sulla piattaforma5 – molto utile per società commerciali forzate a chiudere i battenti dei punti vendita fisici a causa del virus. In Cina, le aziende hanno iniziato a postare video in livestreaming per vendere direttamente ai consumatori, tanto che il numero di sessioni di e-commerce in livestreaming nel primo trimestre ha raggiunto quota quattro milioni.6

Naturalmente, l'incremento dello shopping online porta a un forte aumento della domanda di provider di servizi di pagamento digitale. Per esempio, per PayPal il 1° maggio è stato il singolo giorno in assoluto con più transazioni dalla nascita dell'azienda – superando sia il Black Friday che il Cyber Monday del 2019. Nel primo trimestre del 2020, la piattaforma principale di PayPal ha aperto 10 milioni netti di nuovi account attivi, con 7,4 milioni solo ad aprile, nuovo record mensile. Per il secondo trimestre, si prevedono ulteriori 15-20 venti milioni netti di nuovi account attivi.7

Quanto a Visa, nel primo trimestre ha registrato 13 milioni di titolari di carta di credito in America Latina che hanno completato operazioni di e-commerce per la prima volta – pari a circa 2 su 10 titolari di carta attivi nella regione. Inoltre, ad aprile Visa ha registrato un incremento del 18% della spesa in operazioni di e-commerce negli USA (escludendo i viaggi).8

 

La morte del denaro contante?

Ma non è solo sulle piattaforme online che i pagamenti digitali rappresentano il metodo di transazione più normale. Anche nei negozi tradizionali i consumatori tendono a utilizzare sempre più spesso carte di pagamento anziché contanti,  in parte per cercare di ridurre la trasmissione del coronavirus. Per questo stesso motivo, l'organo di vigilanza dell'Unione europea ha incoraggiato le società di servizi di pagamento ad aumentare il limite per i pagamenti contactless da 30 a 50 euro per operazione.9

Inoltre, a marzo l'OMS ha raccomandato di privilegiare le transazioni cashless per contrastare la diffusione del Covid-19.10

Il concetto di società cashless non è però nuovo. La Svezia è probabilmente la società cashless più avanzata del mondo, con solo l'1% circa del PIL in circolazione sotto forma di contante.11 Allo stesso tempo, il 2019 è stato il primo anno in cui più della metà dei pagamenti nel Regno Unito è avvenuta con carte di pagamento.12 App innovative come Alipay e WeChat Pay hanno avuto un'influenza considerevole sui consumatori in Cina, dove l'81% degli utilizzatori di smartphone sfrutta servizi di pagamento tramite cellulare di prossimità.13 

Si prevede che il numero di operazioni di pagamento senza contanti nel mondo nel 2022 possa superare i mille miliardi14, pari a un importo di 5.700 miliardi di dollari15, con un incremento rispettivamente di tre e cinque volte dal 2013.

Un recente rapporto di Bain & Company stima che l'adozione dei pagamenti digitali a livello mondiale possa crescere di 5-10 punti percentuali entro il 2025.

 

La nostra offerta 

AXA WF Framlington Fintech è un fondo d’investimento che mira a catturare la performance del mercato in espansione della tecnofinanza globale, investendo in un portafoglio concentrato di società con un elevato potenziale di crescita, che sfruttano l’innovazione tecnologica per rivoluzionare e migliorare i servizi finanziari erogati.

Tre ragioni per investire in AXA WF Framlington Fintech:

  1. Il fondo offre accesso diversificato al potenziale di crescita dell’universo fintech.
  2. Esposizione specifica al sistema tecnofinanziario
  3. Approccio attivo e a lungo termine alla tecnofinanza

Note

1 Global eCommerce Retail Sales Up 209 Percent in April, ACI Worldwide, 12 maggio 2020
2 Amazon posts $75bn first-quarter revenues but expects to spend $4bn in Covid-19 costs, The Guardian, 30 aprile 2020
3 BAC credit card data shows no deceleration in online electronics spending/limited deceleration in online retail spending where economy re-opened, BofA Securities, 4 giugno 2020
4 E-commerce drives China's stay-at-home economy in coronavirus aftermath, S&P Global Market Intelligence (statistiche tratte da iiMedia Research), 23 marzo 2020
5 Facebook Shops: Online stores open on Facebook and Instagram, BBC News, 19 maggio 2020
6 Livestreaming is taking off in China, but it’s not driving much sales in a market still reeling from coronavirus, CNBC, 29 aprile 2020
7 PayPal says May 1 was largest transaction day in its history, but first-quarter results fall short, MarketWatch, 7 maggio 2020
8 Visa sees massive digital acceleration with millions trying e-commerce for the first time, MarketWatch, 18 maggio 2020
9 Contactless payments can help cut contagion – EU banking watchdog, Reuters, 25 marzo 2020
10 WHO encourages use of contactless payments due to COVID-19, Forbes, 9 marzo 2020
11 Payments in Sweden in 2019, Riksbank, 7 novembre 2019
12 More than half of all payments made by card even before coronavirus, BBC News, 3 giugno 2020
13 China mobile payment users 2019: Moving toward a cashless society, eMarketer, 24 ottobre 2019
14 World Payments Report 2019, Capgemini
15 Retail e-commerce sales worldwide from 2014 to 2023 (in billion US dollars), Statista 2020

 

Disclaimer

Il presente documento ha finalità informativa e i relativi contenuti non vanno intesi come ricerca in materia di investimenti o analisi su strumenti finanziari ai sensi della Direttiva MiFID II (2014/65/UE), raccomandazione, offerta o sollecitazione all’acquisto o alla vendita di strumenti finanziari o alla partecipazione a strategie commerciali da parte di AXA Investment Managers o di società ad essa affiliate.

A causa del suo carattere semplificato, il presente materiale contiene informazioni parziali e le stime, le previsioni e i pareri qui espressi possono essere interpretati soggettivamente. Le informazioni fornite all’interno del presente documento non tengono conto degli obiettivi d’investimento individuali, della situazione finanziaria o di particolari bisogni del singolo utente. Qualsiasi opinione espressa nel presente Documento non è una dichiarazione di fatto e non costituisce una consulenza di investimento. Le previsioni, le proiezioni o gli obiettivi illustrati sono indicativi e non sono garantiti in alcun modo. La performance passata non è indicativa dei risultati futuri. Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante possono variare, sia in aumento che in diminuzione, e gli investitori potrebbero non recuperare l’importo originariamente investito. Il valore dell’investimento può variare anche per effetto delle oscillazioni dei tassi di cambio. Dati, numeri, dichiarazioni, analisi, proiezioni e altre informazioni qui contenute sono basate sullo stato delle nostre conoscenze al momento della compilazione. Nonostante sia stata usata la massima attenzione nella compilazione del presente documento, non si rilascia alcuna dichiarazione o garanzia esplicita o implicita riguardo all’accuratezza, all’attendibilità presente e futura o alla completezza delle informazioni qui contenute. A causa di questi fattori e della commissione iniziale normalmente applicata, l’investimento non ha un orizzonte temporale breve e potrebbe non risultare adeguato per ogni utente.

AXA Investment Managers si riserva il diritto di aggiornare o rivedere il documento senza preavviso e declina ogni responsabilità riguardo ad eventuali decisioni prese sulla base del documento medesimo. L’investimento in qualsiasi fondo gestito o promosso da AXA Investment Managers o dalle società ad essa affiliate è accettato soltanto se proveniente da investitori che siano in possesso dei requisiti richiesti ai sensi del prospetto informativo in vigore e della relativa documentazione di offerta.

Qualsiasi riproduzione, totale o parziale, delle informazioni contenute nel presente documento è vietata. Riferimenti a terze parti sono da considerarsi esclusivamente forniti a scopo illustrativo.   Prima dell’adesione, si raccomanda agli investitori di leggere il Prospetto e il Documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID) o la documentazione del piano, disponibili sul sito www.axa-im.it, dove potranno trovare tutti i dettagli sui prodotti, ivi inclusi i rischi e i costi dell’investimento.

Il presente documento è redatto a cura e sotto la responsabilità di AXA Investment Managers SA, società di diritto francese con sede legale presso Tour Majunga, 6 place de la Pyramide, 92800 Puteaux, iscritta al Registro delle imprese di Nanterre con numero 393 051 826.

In altre giurisdizioni, il documento è pubblicato dalle società affiliate di AXA Investment Managers SA,nei rispettivi paesi.

I fondi menzionati fanno capo ad AXA WORLD FUNDS, SICAV di diritto lussemburghese UCITS IV approvata dalla CSSF, iscritta al "Registre de Commerce et des Sociétés" con numero B. 63.116, avente  sede legale al 49, avenue J.F Kennedy L-1885 Lussemburgo. La Società è gestita da AXA Funds Management, société anonyme di diritto lussemburghese iscritta al Registro delle imprese lussemburghese con numero B 32 223RC e ha sede legale al 49, Avenue J.F. Kennedy L-1885 Lussemburgo.